21 marzo 2015

IL SALUTO DEL NUOVO CONSIGLIERE COMUNALE RINO BISCARO




Alle Consigliere e ai Consiglieri Comunali, al Sig. Sindaco e al Presidente del Consiglio, agli Assessori



Ritorno sui banchi di questo Consiglio comunale a seguito delle dimissioni della Consigliera Comunale Luisa Coletti, che vorrei ringraziare per il lavoro svolto in questi mesi. 

Saluto i Consiglieri e gli amministratori con i quali ho condiviso 10 anni di lavoro comune tra questi banchi, ma in particolare saluto le consigliere e i consiglieri comunali che sono alla loro prima esperienza amministrativa.


Innanzi tutto comunico la mia adesione al gruppo del Partito democratico, di cui faccio parte e con il quale sono stato eletto. Con questi colleghi, come con quelli di tutta la minoranza,  mi auguro di poter stabilire una relazione proficua, affinché l’opposizione ritrovi sui punti cardine un’unità d’intenti e possa svolgere nel migliore dei modi il ruolo che le elezioni le ha consegnato.

Un ruolo che poteva essere a parti invertite se una manciata di voti si fossero spostati da una parte all’altra. Ricordo questo al Sindaco e agli amministratori, perché spesso è un fatto che si cerca di dimenticare. Lo voglio ricordare anche ai colleghi consiglieri della maggioranza con i quali cercherò di stabilire una relazione che vada oltre gli schieramenti e punti a discutere serenamente sulla buona gestione della cosa pubblica, che appartiene a tutti ed è quanto i cittadini richiedono.

Da parte mia agirò come sempre, senza vincoli di appartenenza e voterò serenamente indipendentemente da chi farà le proposte. 

Nello stesso tempo cercherò di riportare in questo Consiglio la voce di liste politiche, che per vari motivi, sono rimaste escluse dalla rappresentanza, come cercherò, come sempre ho provato a fare, di riportare le richieste e le considerazioni dei cittadini.

Concludo ringraziando i cittadini che mi hanno sostenuto e mi hanno espresso la loro fiducia e cercherò di fare tutto il possibile per rispondere positivamente alle loro aspettative.
Un sincero augurio di buon lavoro a tutti.

Rino Biscaro – Consigliere Comunale

30 dicembre 2014

NIENTE SPAZIO PER GLI OSPITI DELL'OSPIZIO. LUNGHI CHIUDE SULLA CASA DI RIPOSO.

Siamo spiacenti di dover registrare l’ennesimo rifiuto che il Sindaco Lunghi ha dato a una nostra proposta di buon senso, volta a favorire la partecipazione e una gestione del Comune trasparente e efficiente. Più in specifico, la minoranza aveva richiesto al Consiglio comunale di dare degli indirizzi al Consiglio di amministrazione della Casa di Riposo, affinché ne venisse emendato e migliorato lo statuto.



La vicenda ha avuto origine al Consiglio comunale del 30 settembre, quando la mozione presentata dai consiglieri di centrosinistra, a fronte di una presunta apertura al dialogo della maggioranza, è stata ritirata per essere discussa in sede di commissione consiliare. Tale proposta si rifaceva al valido lavoro svolto da Christianne Bergamin, consigliere di amministrazione della Casa di riposo.Così, il giorno 8 ottobre la  Commissione composta dal Presidente Cinzia Sguotti, da Fabio Conte, Luisa Coletti e Andrea Bernardini, ha discusso le richieste di modifica. Ciò dopo aver ascoltato il punto di vista della stessa Bergamin e dei rappresentanti del Comitato ospiti, che erano stati invitati per esprimere la loro visione circa la necessità di apportare modifiche sostanziali nella gestione della Casa di riposo. La seduta si è conclusa in maniera positiva, tanto che la Commissione ha convenuto sui punti più rilevanti della proposta, con l’obiettivo di presentare il risultato del lavoro in sede di Consiglio comunale.
I punti salienti del lavoro in Commissione riguardavano:

1. la nomina da parte del Sindaco di un componente del Comitato ospiti all’interno del CdA;

2. l’equiparazione del gettone di presenza dei componenti del CdA a quello dei consiglieri comunali e l’attribuzione al Presidente di un compenso parametrato in percentuale rispetto a quello del Presidente del Consiglio comunale;

3. l’unificazione delle funzioni di segretario-direttore;

4. la ridefinizione delle competenze dei consiglieri nel rispetto della separazione dei poteri di indirizzo e controllo da quelli gestionali;

5. la precisazione dell’iter procedurale delle dimissioni del Presidente o dei singoli componenti del CdA;

6. l’applicazione delle norme sulla trasparenza con pubblicazione nel sito del CSA e del Comune di tutti gli atti previsti dalla legge;

Basandosi sull’autonomia decisionale di cui gode la Commissione ci si aspettava una risposta fattiva da parte della maggioranza. Invece, oltre a non essere argomento previsto nel Consiglio successivo, è arrivata appena prima del Consiglio stesso una lettera dove il Sindaco cercava di smontare punto per punto il risultato frutto del lavoro svolto, adducendo come giustificazione normative regionali che tuttavia non risultano ostative a quanto prodotto in Commissione.

I consiglieri del centrosinistra, insieme a Andrea Bernardini, hanno firmato una nuova interrogazione per mantenere acceso il dibattito in Consiglio su un tema tanto importante quanto minimizzato dal Sindaco, che ha ignorato deliberatamente il lavoro svolto dalla sua Commissione. L’interrogazione ha avuto come risultato una nuova convocazione della Commissione, per ridiscutere la lettera del Sindaco.

Il giorno 10 dicembre si è tenuta la riunione della Commissione e i consiglieri del centrosinistra, con Bernardini, hanno proposto di estendere la nomina per il CdA non più al solo Comitato ospiti, ma ad un rappresentante nominato dagli ospiti; ciò per favorire una maggiore rappresentatività. In questa sede la maggioranza ha mostrato purtroppo un atteggiamento assai diverso rispetto alla precedente riunione e il tema della rappresentatività degli ospiti ha costituito un evidente elemento di frattura rispetto alla precedente riunione della commissione. Fortunatamente, la chiusura verso di noi non è stata totale e la Commissione si è mostrata disponibile a discutere gli altri punti in Consiglio.

Sfortunatamente, in Consiglio gli altri punti non sono mai stati discussi, perché il Sindaco con la sua maggioranza il 16 dicembre ha messo la parola fine ad ogni tentativo di favorire gli ospiti e i loro familiari nell’avere un loro rappresentante in seno al CdA.

Non importa che gli ospiti con le loro rette paghino praticamente la metà della gestione della Casa di riposo: il Sindaco ha deciso che non farà nulla di quanto indicato nella proposta dei consiglieri del centrosinistra.
Segnaliamo con dispiacere che il Presidente della Commissione Cinzia Sguotti non è mai intervenuta a sostegno di quanto condiviso nelle riunioni precedenti: solo il Sindaco si è fatto sentire. Una voce ad una sola direzione, sorda agli appelli dei cittadini che chiedono una gestione più trasparente, efficiente e partecipata, per il bene degli ospiti della Casa di riposo e dei loro familiari


24 dicembre 2014

BIODIGESTORE DI SAN BORTOLO - SINDACO LUNGHI, BATTA UN COLPO!

Il fiume Noce è un fiume della Basilicata. Esso nasce pochi chilometri a sud est di Rivello, paese natio del nostro sindaco, dalle pareti scoscese del massiccio del Sirino, e prende decisamente verso sud, in direzione del mare. Calmo e placido d'estate, è noto per le sue piene invernali, quando con irruenza e decisione, tra cascate impetuose, lisci mulinelli e lucenti sciabordii, cerca il suo percorso verso il Tirreno, imponendo la propria presenza alla calma di seta dei silenti monti lucani.

E Francesco Lunghi qualcosa deve aver ereditato dalle acque che lo bagnarono infante, visto che anche la sua presenza non passa affatto inosservata. Sempre loquace e prolisso ai consigli comunali, aiutato in questo anche dalla non disprezzabile qualità di parere credibile anche quando dice spalancate castronerie, il nostro sindaco mostra di bearsi al suono della sua stessa voce, spiega, esclama, chiama, richiama, ironizza (male, non è l'ironia uno strumento che padroneggi a dovere), ammonisce, suggerisce, blatera, si costerna, s'indigna, s'impegna e tutto quanto il resto.

Eppure su di una questione che ha tenuto banco nelle ultime settimane, la proposta costruzione del biodigestore dell'Agricola Berica a San Bortolo, il primo cittadino monselicense pare aver abbandonato l'entusiasmo brillante tipico di una fiumara in piena per adottare la discreta calma del mare di Maratea in un giorno di bonaccia. Totalmente defilato in atti e parole, ha lasciato l'intera vicenda nelle mani della volenterosa assessora Bedin, che ha fatto peraltro un buon lavoro.

Ma perché il sindaco, su una questione tanto importante che, caso non frequente, vede la maggioranza e l'opposizione unite verso un obiettivo comune, non ha ritenuto di spendersi in maniera più esplicita? Quali considerazioni l'hanno portato a smettere i panni di eterno protagonista per indossare quelli del grigio comprimario? Forse che ha informazioni o interessi che gli suggeriscono l'inopportunità di esporsi troppo sulla questione?

Quel che è certo è che con la decisone della commissione VIA, che ha dato la propria approvazione al progetto, la possibilità di avere un impianto altamente inquinante a Monselice diventa estremamente concreta. Manca l'assenso del consiglio regionale, ma considerato che l'unico verde a cui veramente tiene Zaia è quello che colora la propria logora divisa leghista, le speranze rimaste rischiano seriamente di rivelarsi vane.

"Aspettiamo di leggere con precisioni prima di valutare azioni legali" dice Lunghi, ancora ancorato alla prudenza più stagnante "Adesso in ogni caso il problema diventa politico più che tecnico: parleremo con la giunta regionale".

Speriamo che davanti a Zaia il sindaco mostri un atteggiamento più deciso e risoluto di quanto fatto finora, altrimenti ai cittadini di San Bortolo non resterà che sbuffare e tenersi il biodigestore, sbuffante anch'esso.




15 dicembre 2014

PICCOLO...SPAZIO...PUBBLICITA'!

PICCOLO... SPAZIO... PUBBLICITÀ

Continua il ballo a due tra l'amministrazione comunale e la ditta Mira Vision, la quale ha tempo fa installato un cartellone pubblicitario di 156 metri quadrati ai lati di via Colombo. "Ce l'han detto loro che potevamo! E poi ci han scritto che stanno modificando le norme..." ha tuonato l'azienda, quando è stato denunciato che il cartellone superava di otto volte la grandezza massima consentita dai regolamenti comunali. "Non vi abbiamo detto niente!" ha risposto il Comune, ma la previsione di modifica della norma (peraltro scritta nero su bianco) è innegabile e iscritta all'ordine del giorno del Consiglio comunale di martedì.





Leggiamo sul Mattino di Padova che il cartellone è stato ammainato in attesa di martedì sera, quando la norma sarà presumibilmente approvata dalla maggioranza in Consiglio comunale. Intanto, sull'onda dell'indignazione, è stata comminata alla Mira Vision una multa di 440 euro e il Comune le ha intimato di rimuovere il cartellone entro dieci giorni. La ditta ha tolto il cartellone, lasciando la struttura che lo sosteneva,la quale potrebbe effettivamente tornare utile a breve.


In tutto ciò Vittorio Ivis, segretario del PD di Monselice, accusa l'amministrazione comunale di varare una norma "ad personam", cosa che in effetti succede spesso, solo che in questo caso l'avventatezza della Mira Vision ha scoperto il gioco. Il consigliere di minoranza inoltre sottolinea la necessità di fare attenzione a quel che si approva, per non rischiare di trovarsi la città tappezzata di pantagruelici cartelloni, con buona pace della sua vocazione turistica, che in fondo al dottor Lunghi è sempre parsa una priorità "flessibile".

È interessante notare che, mentre il famigerato cartellone misura 156 metri di superficie, la modifica al regolamento prevede un massimo di 150: vedremo cosa succederà in Consiglio.

Nell'attesa del prossimo passo di questa danza farsesca, diamo la parola al mitico Vasco, che quanto a marketing e bollicine ne sa qualcosa! 

https://www.youtube.com/watch?v=0hpz9hGpOHU

14 dicembre 2014

CONSIGLIO COMUNALE MARTEDI' 16 DICEMBRE

CONSIGLIO COMUNALE MARTEDI' 16 DICEMBRE

Informiamo che il prossimo consiglio comunale sarà martedì 16 dicembre.

L'appuntamento è sempre alle ore 20:30 in sala consigliare.

Qui di seguito l'ordine del giorno.

http://www.comune.monselice.padova.it/po/mostra_news.php?id=131&area=H

Siateci!


8 dicembre 2014

FURTI IN CASA: QUALCHE CONSIGLIO DAI CARABINIERI

Visto che in questi ultimi tempi molti cittadini sono preoccupati per i numerosi furti in casa segnalati, abbiamo pensato di chiedere consiglio ai Carabinieri di Monselice su come si possa ridurre la possibilità di essere vittima di simili episodi.

Loro, dopo aver precisato che il numero di furti è in linea con la media degli ultimi anni, nonostante un lieve aumento, hanno sottolineato l'importanza di segnalare al 112 qualsiasi persona e movimento sospetti che si notino nei pressi della propria abitazione o di quella dei vicini.

Hanno voluto, al contempo, mettere in guardia dal creare allarmismi, i quali generano un clima di tensione, a volte ingiustificata, che non favorisce la buona ed efficace collaborazione tra cittadini e forze dell'ordine.

Ci hanno inoltre segnalato questo utile opuscolo redatto dai carabinieri di Rimini, nel quale è possibile leggere numerosi consigli e precauzioni utili da adottare:

http://www.vallemarecchia.it/UserFiles/VADEMECUM.pdf

In relazione alla terza pagina del documento, nella quale si parla dei famosi segni che i ladri lascerebbero sulle case, ci permettiamo di segnalare quest'articolo, che meglio chiarisce la questione:

http://www.attivissimo.net/antibufala/zingari/segni.htm


Occhi aperti, quindi, ma sereni!


2 dicembre 2014

PRANZO DI NATALE - PRENOTAZIONI APERTE!


PRANZO DI NATALE - PRENOTAZIONI APERTE!

In occasione delle feste natalizie ormai prossime, il Partito Democratico ha organizzato per il 21 dicembre un pranzo all'agriturismo Le Muraglie cui sono invitati tutti gli iscritti e i simpatizzanti.

Sarà un momento di convivialità nonché un'occasione di incontro e confronto.

SIETE TUTTI INVITATI!

Per maggiori informazioni chiamate il numero 345 7176133 o scrivete a info@pdmonselice.it
PRENOTAZIONI ENTRO IL 17 DICEMBRE!




Cerca nel blog

Caricamento in corso...